• Home
  • fotografia
  • 2007 – Rotte Percorsi di Terra – Striscia fotografica montata su poliplat 300 x 14,5

Attraverso

2007 – Rotte Percorsi di Terra – Striscia fotografica montata su poliplat 300 x 14,5

Rotte percorsi di terra

‘Ho saputo guardare lontano perché sono stato sulle spalle dei giganti’

          Newton           

Spesso in montagna verso le cime o i sentieri meno ufficiali la “cartellonistica” lascia posto a dei segni di riferimento… tracce di colore diverso sulle cortecce degli alberi… quando questi finiscono spesso rimangono distese di pietra che l’uomo accumula l’una sopra l’altra, andando come ad evidenziare una sequenza di punti  traccia una via, indica una possibile direzione.

Esiste un modo di sentire diverso in montagna quando si cammina  svuotati di fiato e fatica.

Spesso esistono più strade da seguire fatte da quelli passati prima, sentieri col tempo diventati letti di fiumi o andati persi col cambiare delle stagioni.       

Le rocce, nei passaggi più difficili assumono la forma di ciò che può stare in una mano come un attrezzo da lavoro assume la forma di chi lo usa e vice versa… appigli

luogo dove ti è concesso di avere fiducia in te stesso

(foto iniziale Monviso fiumi dall’alto omini )

Il guardare assume un’altro spessore simile alla profondità prospettica di un quadro di Leonardo si entra in una dimensione che sa di terra quanto sa si cielo, il vuoto si fa denso, le parole respiro, l’allontanamento vicinanza.

Luoghi fotografati:

1°-2° Corsica Calanches, 3°/8° Val Maira Monviso, 9°-10° Val Grande, 11° Grigna, 12°/15° Dolomiti Orientali Pelmo

L’ opera “Rotte percorsi di terra” è stata selezionata per Quotidiana07.

Mostra giunta alla sua tredicesima edizione in collaborazione con il GAI, per la promozione dei giovani artisti nell’ambito dell’arte contemporanea.

Padova, ex Macello, via A. Cornaro n°1 dal 25 ottobre – 30 novembre 2007.

Curatori e catalogo a cura di: Guido Bartorelli, Teresa Iannotta, Stefania Schiavon

Scheda Tecnica

Striscia  fotografica delle dimensioni di 300cm x 14,5cm montate su poliplat

Anno di esecuzione: 2007

The art and the senses
Every means has its limits:
the music is blind,
the painting is silent
the paralytic sculpture

chiarapelle@gmail.com || 333 00 00 333
© 2019 Chiara Pellegrini Sculptor All rights reserved
 | P.IVA 33300000333